Comacchio e Lidi

UniJunior, l'università a misura di bambini e ragazzi anche a Ferrara

UniJunior, l

Imparare divertendosi, avvicinarsi alle materie ‘da grandi’ attraverso il gioco, l’esperienza pratica, attività di gruppo e individuali, familiarizzare con chimica, fisica, astronomia, ingegneria, matematica, arte, informatica, medicina, geologia ed entomologia pur avendo pochissimi anni… sulle spalle.

È un privilegio che tocca da vicino ragazzi e ragazze emiliano romagnoli di età compresa tra gli 8 e i 14 anni: sono loro infatti i destinatari dell’offerta formativa di UniJunior, l’università per giovanissimi attiva in tutti i capoluoghi di provincia della Regione Emilia Romagna (Piacenza esclusa) nata da una proposta del network eucu.net che nel 2008 è diventato un progetto dell’Associazione Culturale Leo Scienza.

Un progetto che ha convinto le università di Ferrara, Bologna e Modena-Reggio Emilia a mettere a disposizione strutture, attrezzature e personale per questa nuova avventura formativa. Ogni anno accademico prevede imperdibili lezioni nelle città sedi universitarie, ma anche a Rovigo, a Rimini, Forlì e Cesena.

Un’esperienza unica nel suo genere, quantomeno in Italia, ma ispirata a diffusi modelli europei presenti in tutto il mondo. UniJunior brucia forse le tappe? Qualcuno potrebbe pensarlo, ma in realtà, spiegano i responsabili del progetto “l’obiettivo è quello di avvicinare i ragazzi allo studio di materie ‘importanti’ adeguando il linguaggio senza rinunciare ai contenuti, utilizzando strumenti semplici e noti al bambino l’esperienza pratica e il gioco, stimolare la sua curiosità facendo leva sul suo naturale istinto di esplorazione, dando risposta alle sue infinite domande e aiutandoli a comprendere ed accrescere le loro naturali inclinazioni”.

Nessuna esperienza precoce, né l’intenzione di sostituirsi al tradizionale percorso della scuola dell’obbligo o di scovare genietti, talenti o super-menti. Piuttosto quella di imparare cose nuove divertendosi ed emozionandosi tra attività didattiche e laboratoriali. Qualche esempio? “I nostri studenti più giovani si (e ci) chiedono come funziona il sistema solare, cosa c’è dentro ad un vulcano, cos’è un atomo!”

I più grandi poi, nel corso delle lezioni UniJunior vivono l’emozione di ricevere risposte da docenti universitari, in vere aule universitarie, e di registrare le lezioni che scelgono di seguire su un proprio libretto ‘universitario’ che gli viene fornito dopo l’iscrizione, addirittura impreziosito dall’autografo del professore!

Abbiamo colorato il tradizionale contesto accademico con tanta interazione, una buona dose di fantasia e tante fonti da cui attingere per accrescere il proprio bagaglio culturale” raccontano da UniJunior. “Non ci sono libri da studiare a Unijunior, non ci sono compiti da fare, non ci sono rigidi programmi da seguire e non ci sono esami da sostenere. C’è un’infinita serie di esperienze meravigliose ed entusiasmanti che non aspettano altro che essere vissute dai ragazzi! Il tutto è sapientemente gestito con il prezioso supporto degli animatori di Leo Scienza che, durante le lezioni, assistono i professori, mantenendo alta l’attenzione dei più piccoli e regalando a tutti momenti di puro divertimento!"

Immagine tratta da unijunior.it

Condividi su:

Altre notizie: