News

Il mistero di Villa Clara

Il mistero di Villa Clara

Vicino a Bologna l'anima di una bambina cerca vendetta


Una dimora che da sempre in Emilia Romagna è oggetto di dicerie e di mistero sul suo sinistro passato, si trova in provincia di Bologna, capoluogo di provincia e città raggiungibile in pochissimo tempo dai nostri luoghi del Delta.

Precisamente nelle immediate vicinanze di Trebbo di Reno. Villa Clara (questo è il suo nome), è considerata da esperti di apparizioni e di spiritismo uno dei luoghi più infestati del Nord Italia, al pari solo (forse) del Maniero templare de La Rotta in provincia di Torino.

Il nome della casa, così come raccontano le leggende e le moltissime storie che la riguardano, viene dalla piccola Clara Alessandri, una bambina che sembra sia scomparsa (c’è chi dice uccisa) all’interno della grande villa per via di alcune sue “stranezze”. 

Pare infatti che la piccola fosse in possesso di alcuni poteri paranormali e riuscisse a prevedere con assoluta esattezza il futuro. 

Per questo motivo, il padre, assolutamente terrorizzato da questi elementi, la fece rinchiudere in una stanza e ne fece murare l’ingresso, facendo dunque morire sua figlia di una morte orribile.

Da decenni, gli abitanti della zona, evitano di passare nelle vicinanze della casa (che comunque si trova in una zona impervia e quasi sempre immersa nella fitta nebbia tipica della pianura padana), proprio per evitare di sentire i lamenti, i singhiozzi ed i pianti disperati della piccola e dolce Clara provenire dal giardino della villa stessa. 
Questo è quanto si racconta. 

Quello che invece è certamente vero ed appurato, è che moltissimi studiosi ed appassionati di esoterismo e di fenomeni non convenzionali si sono recati di notte, anche con apparecchiature elettroniche sofisticate, per cercare di carpire qualche segno tangibile della presenza dell’anima di Clara, una bambina innocente che, se quanto si narra fosse vero, avrebbe avuto la sola colpa di custodire un potere straordinario per lei ma evidentemente spaventoso per altri.

Condividi su:

Mappa

Altre notizie: