Delta

Due passi con Nico: "Sarò veramente felice quando diventerò Nicole"

Due passi con Nico: "Sarò veramente felice quando diventerò Nicole"

La storia di Nico Luciani, che sta affrontando un duro percorso per cambiare sesso

"Quando ero bambino e arrivava il carnevale chiedevo sempre alla mamma di poter indossare un vestito da principessa e lei me lo lasciava fare”. Inizia così la mia intervista a Nico Luciani, ventenne di Fiscaglia con i capelli biondi e le idee molto chiare. Molto incuriosita, passeggiando per il centro di Codigoro, ho ascoltato la sua storia, il percorso di cambiamento estremo che ha deciso di intraprendere: Nico vuole diventare una donna al 100%.

"Che tipo di bambino eri?" le chiedo esponendole il mio disagio per lo sforzo di porle le domande usando gli articoli determinativi giusti. 

"Non preoccuparti, anche mia madre ogni tanto si sbaglia ancora. Che bambino ero? Le mie amicizie erano per lo più di sesso femminile e amavo i giochi che facevamo, soprattutto con le Barbie. Sono sempre stata più simile a loro".
Sorrido spiazzata dalla semplicità con cui Nico mi racconta la sua vita, riconosco la schietta naturalezza con cui affronta un argomento che si tende ancora a circoscrivere come tabù.

"Le difficoltà maggiori le ho avute crescendo, ho sempre seguito il mio istinto e le mie inclinazioni. Poi succede che qualcuno ti fa sentire sbagliata, vieni derisa, additata... e allora ti metti in discussione, soprattutto quando a volerti cambiare sono le persone a cui tieni di più".

Momenti ricordati con un velo di malinconia, ma che non hanno arrestato la forza e la determinazione di chi sa esattamente cosa vuole. Con l'appoggio costante della madre, dei nonni e delle amiche di una vita, Nico nel 2016 decide di cominciare un percorso lungo e difficile che le permetterà un giorno di poter finalmente essere a tutti gli effetti una donna. Un percorso articolato, fatto di esami medici, visite specialistiche, supporto psicologico e farmaci per arrivare alla modifica definitiva degli attributi sessuali. 

Tutto questo comporta un sacrificio notevole, ti senti pronta, non hai paura?

"Io sono una femmina, mi sento una femmina, tu adesso riderai di me ma io voglio sposarmi e avere un marito, una famiglia. Io sono felice della scelta che sto facendo". Le brillano gli occhi e lo racconta con tutta la sincerità di cui dispone: "Sono consapevole del sacrificio che comporta questo passaggio ma so che è la cosa giusta da fare".

Nico lavora come parrucchiera e nel tempo libero si dedica alla sua passione che è lo spettacolo, esibendosi con il gruppo variopinto e divertente Daiana Ashfield Drag Queen Show. Non conosco questo mondo, ma le prometto che un giorno andrò ad applaudirla.

È lucida e serena, nella determinata attesa di quella giornata di sole in cui tutti potranno chiamarla semplicemente Nicole. "Ricordati di scriverlo alla francese con la "E" finale che mi piace di più".

Fatto.

A.F.
Condividi su:

Altre notizie: