Comacchio e Lidi

Anche Martyn Mystere indagò sul Delta...

Anche Martyn Mystere indagò sul Delta...

In un vecchio albo a fumetti del '92


Che il nostro territorio (quello del Delta in particolare) fosse da sempre terra di misteri, leggende e sinistre atmosfera, è certamente un dato di fatto. 
Che però addirittura una casa editrice di fumetti avesse dedicato uno speciale albo di uno dei suoi personaggi di punta alla nostra zona ed al grande fiume, non tutti se lo ricordano.

Martyn Mystere
, il celebre personaggio dei fumetti edito da Sergio Bonelli editore (la casa editrice, tra l’altro, anche di Tex, Mister No, Dylan Dog e di altri eroi del fumetto), in una sua storia pubblicata nell’ormai lontano 1992, narrava e raccontava delle terre (e delle acque) del Delta.

Nell’albo intitolato proprio “Martyn Mystere e i misteri del Delta del Po”, il biondo detective dell’impossibile si avventurava nel racconto di alcune leggende e di alcuni misteri irrisolti e quantomeno “strani” (per usare un eufemismo) delle zone ferraresi e polesane. 

E’ stato sorprendente leggere nel vecchio volume edito un quarto di secolo fa (e diventato, tra l’altro, oggetto per collezionisti reperibile solo in qualche fiera del fumetto) della leggenda del “Ragno d’Oro”, argomento tuttora pieno di fascino e di mistero del quale abbiamo, anche dalle nostre pagine, trattato in un articolo

Nell’albo di cui scriviamo, realizzato in collaborazione con il Centro Etnografico Ferrarese, si descrivevano la storia, i costumi, gli usi e le curiosità del Delta e dei piccoli paesini del territorio utilizzando proprio il tenebroso detective per diffondere, in maniera più fruibile e meno impegnativa, la cultura e lo stile di vita dei luoghi. 

Nel volume vi era anche un dossier intitolato “I Mysteri e la gastronomia del Ferrarese”, molto interessante e rappresentativo.

 Un altro piccolo tassello, questo, per dimostrare come la nostra terra di Comacchio e della provincia con le sue bellezze, con il suo fascino e con le sue leggende, sia (e lo sia stata anche in passato) sempre fonte di ispirazione e motivo di interesse culturale, storico, e turistico.
Condividi su:

Altre notizie: