Sport Locale

Calcio, il Magnavacca è pronto all'esordio di campionato

Calcio, il Magnavacca è pronto all

Prima sfida sul campo difficile di Cento

Non poteva risultare migliore l’approccio estivo alla stagione della Polisportiva Magnavacca, reduce da un bottino pieno di tutto rispetto nella calda avventura di Coppa Emilia. Domenica inizierà il campionato sul difficile (e lontano) campo della Centese, ma i ragazzi di mister Zangirolami hanno le idee chiare su come tentare di vivere al meglio la seconda storica stagione consecutiva in Prima. 

E’ di certo questo il target per la società di Porto Garibaldi capitanata dal presidente Gianfranco Vitali, sempre molto attivo e partecipe nel seguire le vicissitudini quotidiane del mondo calcistico locale. Cinque reti segnate, zero subite e le tre vittorie in altrettante sfide giocate sono la testimonianza che i biancazzurri ci sono. Eccome che ci sono, i numeri non mentono mai. Oltre all’ampio 3-0 sull’Ostellatese di mister Massimo Zibelli, il Magnavacca è riuscito a imporsi di misura sui cugini della Comacchiese e sull’accreditata Laghese grazie ai gol di Stella e Gora. 

E’ un Magnavacca che è riuscito senza troppi problemi a sopperire anche alle solite assenze estive dovute al periodo lavorativo nel litorale ferrarese e che in campo ha fatto vedere subito cose decisamente interessanti, compresi i nuovi acquisti portati a termine in estate dal direttore sportivo Mattia Ruffoni

L’auspicio della società è quello di poter contare su qualche ragazzo che l’anno scorso aveva subito seri infortuni per potersi giocare globalmente un campionato tranquillo di metà classifica e raggiungere quindi più serenamente una salvezza acciuffata lo scorso anno all’ultimo treno disponibile. 

Dopo la trasferta di campionato a Cento, si tornerà a giocare sul campo di Porto Garibaldi contro il Gallo dove non mancherà di certo il caloroso apporto del pubblico già visto nella passata stagione e in queste prime apparizioni estive. Il tutto in attesa dei sentiti derby territoriali che faranno registrare pienoni (quasi) storici.

Alessio Duatti

Condividi su:

Altre notizie: