Comacchio e Lidi

"Remo Brindisi, le inquietudini di un secolo", la mostra a Palazzo Bellini

"Remo Brindisi, le inquietudini di un secolo", la mostra a Palazzo Bellini

Inaugurata la mostra dedicata al Maestro, visitabile fino al 30 settembre

La mostra "Remo Brindisi: le inquietudini di un secolo", inaugurata questa sera nella Galleria d'Arte Moderna di Palazzo Bellini è un omaggio alla figura del Maestro, nel centenario della sua nascita. Quattro sale del piano terra dell'edificio comunale ospitano alcune tra le opere più importanti dell'artista, che nel 1973 ha creato al Lido di Spina un museo alternativo, all'avanguardia di arte contemporanea, divenuto punto di riferimento per giovani che tentavano di emergere e per intellettuali del suo tempo. 

Come spiegato da Laura Ruffoni, responsabile dei Servizi Museali Comunali, il fulcro centrale della mostra, con cui prendono avvio le iniziative dedicate ai 100 anni di Brindisi, è rappresentato dal ciclo sul fascismo e sulla Resistenza e da quello della Via Crucis. 

"Il ciclo sul fascismo, realizzato tra gli anni '50 e '60 è frutto della rabbia e del senso di ribellione sbocciati in Brindisi a causa della privazione delle libertà, durante il periodo della dittatura. L'odio e la crudeltà sono stati riversati sulla tela insieme ad un profondo senso di dolore. La Via Crucis invece costituisce un confronto con il sacro rispetto ad una società improntata all'individualismo". 

Il video collocato nella prima sala, realizzato da Maurizio Cinti, curato dalla stessa Laura Ruffoni e da Anastasia Rizzoni, animatrice culturale della biblioteca civica "L.A. Muratori", mette in luce la figura di un uomo, un artista che interpreta le inquietudini del suo tempo, un intellettuale amico di tanti intellettuali, sfuggito alla guerra insieme all'amico Marcello Mastroianni, rifugiandosi a Venezia a dipingere foulards per i turisti.

La mostra resterà aperta a Palazzo Bellini, ad ingresso gratuito sino al 30 settembre prossimo (dal lunedì al sabato, dalle ore 9 alle ore 12 e dalle ore 15 alle ore 18).
Condividi su:

Altre notizie: