News

Covid, l'andamento dell'epidemia in Emilia Romagna da marzo ad oggi

Covid, l

I dati del report pubblicato realizzato dalla Regione e dal Servizio Sanitario Regionale


Con un milione e 700mila tamponi eseguiti, quasi 76mila casi di contagio e oltre 41mila casi attualmente in carico al servizio sanitario, l'Emilia Romagna è tra le regioni italiane maggiormente colpite dal Covid19, quinta a livello nazionale se si considera il numero dei contagi dall'inizio dell'epidemia (dopo Lombardia, Piemonte, Campania e Veneto). 

RICOVERI - Attualmente posizionata il zona gialla, vede la maggior parte dei pazienti contagiati isolati a casa (94%), con poco più di 2 mila ricoverati nei reparti Covid degli ospedali territoriali (4,6% del totale contagiati) e 215 in Terapia Intensiva (0,8%). I posti letto disponibili in Terapia Intensiva alla data del 10 novembre erano 646, dei quali 215 occupati da pazienti Covid, ossia il 33%. Si tratta di numeri molto contenuti rispetto a quelli della prima ondata: a metà aprile i casi, quando si raggiunse il picco, i ricoveri in TI erano quasi a quota 400 unità, il doppio rispetto ad oggi. Non è comunque escluso che si possa tornare a quei livelli nelle prossime settimane.

GUARITI - Il 38% dei contagiati in regione è guarito dall'infezione, ossia 29.230 cittadini su 75.855 che hanno contratto il Covid. 

CONTAGI PER ETÀ E SESSO - Interessante il dato sui casi di contagio suddivisi per età: il numero maggiore si concentra nella fascia d'età tra 40 e 60 anni, mentre i trentenni contagiati sono stati meno rispetto ai ventenni. Pochi casi invece tra bambini e ultranovantenni. Se ci si focalizza sui casi accertati negli ultimi 30 giorni il dato evidenzia cresce la percentuale dei contagi tra adolescenti, scende quella tra gli ultrasettantenni mentre in testa ci sono ancora i cittadini di età compresa tra 50 e 60 anni. Ricordiamo che l'età media dei contagiati nell'ultimo mese è pari a 44,2 anni, perfettamente divisi tra maschi e femmine. 

GLI ASINTOMATICI - Per quanto riguarda invece il dato sui pazienti asintomatici, questi sono stati in media il 33% dall'inizio dell'epidemia, mentre nell'ultimo mese la percentuale sale al 54%, ma la più alta in Emilia Romagna si era raggiunta a giugno, quando il 70% dei tamponi positivi era relativi a pazienti asintomatici.     

I CASI ATTUALMENTE IN CARICO - La provincia di Ferrara è quella con meno casi attualmente in carico al servizio sanitario (2.356). Nell'ordine la provincia con più casi attivi al momento è Bologna, seguita da Modena, Reggio Emilia, Rimini, Forlì-Cesena, Ravenna, Parma, Piacenza e in chiusura Ferrara.

DECESSI - I decessi dall'inizio dell'epidemia sono stati 4.845, con il 57% delle vittime di sesso maschile e il 43% di sesso femminile. 

I dati elencati sono stati raccolti dal Servizio Regionale Prevenzione Collettiva e Sanità Pubblica, pubblicati nel report periodico realizzato dalla Regione Emilia Romagna e dal Servizio Sanitario Regionale Emilia Romagna, consultabile a questo link

Condividi su:
Per fare pubblicità in questo spazio contattaci

Altre notizie: