News

Covid, in Emilia Romagna test gratuito in farmacia per studenti e famiglie

Covid, in Emilia Romagna test gratuito in farmacia per studenti e famiglie

L'annuncio dell'assessore alla sanità Donini: "Siamo gli unici in Italia a prevederlo"


Grazie ad un imminente accordo con la rete delle farmacie del territorio, la Regione Emilia Romagna sarà in grado di assicurare nelle prossime settimane la possibilità di effettuare un test sierologico facoltativo e gratuito agli alunni appena rientrati a scuola e alle loro famiglie, al fine di indagare l'eventuale positività al Covid19.

L'annuncio arriva dall'assessore regionale alla sanità Raffaele Donini, che ricorda come questa importante misura di prevenzione sia al momento un caso unico in Italia, pensata a fronte della crescita dei contagi, con una curva che purtroppo continua a salire anche in Emilia Romagna. Nei prossimi giorni saranno definite le modalità di accesso al servizio presso le farmacie e le modalità di trasmissione degli esiti dei test alla Regione. 

Lo screening sarà effettuato tramite l'esame conosciuto come 'pungidito', già messo a disposizione gratuitamente per docenti e personale delle scuole di tutta la regione. Avviata il 24 agosto e inizialmente prevista fino al 7 settembre, la campagna di screening sierologico per individuare le persone che sono entrate in contatto con il virus e hanno sviluppato anticorpi, anche in assenza di sintomi, è stata poi prolungata per garantire quante più adesioni possibili tra dirigenti scolastici, docenti titolari e supplenti, educatori, ausiliari e personale amministrativo delle scuole, anche d’infanzia, e dei servizi educativi 0-3 anni, sia pubblici sia privati. 

Una campagna di prevenzione che sta dando ottimi risultati: i numeri aggiornati al 16 settembre dicono che sono già 63.744 coloro che hanno deciso di effettuare il test (erano circa 49 mila il 7 settembre). Di questi solo il 2,9% (in numero assoluto 1.519) era positivo (il 97% - 62.225 negativi), e la positività è stata confermata dall’immediato tampone di verifica solo in 14 casi: 6 a Parma, 5 in Romagna (tutti a Rimini), 1 a Bologna, 1 a Modena e 1 a Reggio Emilia.

In totale è di quasi 97mila unità il personale target, a cui si aggiungeranno circa 5.000 posti di sostegno in deroga autorizzati e la dotazione organica extra che il Ministero dell’Istruzione assegnerà alle Istituzioni scolastiche in virtù dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19.

Condividi su:

Altre notizie: