Comacchio e Lidi

Tra Anguille e Tarante, Ambrogio Sparagna incanta Comacchio

Tra Anguille e Tarante, Ambrogio Sparagna incanta Comacchio

Con l'artista nell'arena di Palazzo Bellini anche l'Orchestra Popolare Italiana e i Cantori di Comacchio


Venerdì 28 agosto l’Arena di Palazzo Bellini a Comacchio accoglierà le sonorità mediterranee di Ambrogio Sparagna, con la sua Orchestra Popolare Italiana e i canti in dialetto del repertorio comacchiese, storie e nenie che arrivano direttamente dalla tradizione più vera, con parole antiche ma sempre nuove.

“Alberi di canto”, come li definisce lo stesso Sparagna, piantati e cresciuti nel tempo in laguna grazie al contributo esperienziale e canoro dei cantori di Comacchio, appartenenti alle realtà associative locali, in particolare TemperaMenti e alla compagnia teatrale Al Batal.

Tutto ha avuto inizio nel 2016 dopo l’approdo di Ambrogio Sparagna a Comacchio con il suo spettacolo firmato da Ravenna Festival: da questo incontro ha preso avvio il corso “Tra anguille e tarante”, fra dialetto e musica, coordinato dall’artista, uno dei massimi esponenti della musica popolare italiana, che attraverso il recupero del dialetto, la fisarmonica e i cantori locali, ha portato alla realizzazione del CD “Tra anguille e Tarante - Canti e storie del Delta del Po", che sarà disponibile presso le associazioni coinvolte.

L’evento nell’Area di Palazzo Bellini è ad ingresso gratuito e vede anche il coinvolgimento dalla Civica Scuola di Musica di Comacchio, rappresenterà dunque il punto di arrivo di un percorso di ricerca, la restituzione pubblica del corso in cui sarà protagonista il dialetto comacchiese di cui i CD, realizzato appositamente per conservare il patrimonio culturale orale, diventa lo scrigno che contiene il genoma e l’anima dell’identità lagunare di una terra che, da sempre, dialoga con l’acqua.

L'appuntamento è per le ore 21.15, con apertura dell'arena spettacoli alle 20.30. 

Nel rispetto delle norme anti-Covid si richiede di evitare assembramenti in attesa dell'ingresso all'area spettacoli, che sarà comunque presieduto da un operatore addetto alla sicurezza. L'ingresso sarà gratuito sino ad esaurimento posti a sedere, saranno richiesti i dati di contatto (trattati secondo normativa privacy vigente) per la tracciabilità del pubblico presente e sarà obbligatorio indossare la mascherina (che potrà essere tolta una volta raggiunto il proprio posto) e igienizzare delle mani. Ingresso ed uscita saranno separati e il flusso/deflusso controllato, le sedute saranno sanificate e posizionate, come da normativa vigente, con distanziamento minimo di almeno un metro.

Immagine di copertina tratta dal sito ambrogiosparagna.it
Condividi su:

Altre notizie: