Delta

Codigoro, Legambiente tra i giovanissimi dei campi estivi

Codigoro, Legambiente tra i giovanissimi dei campi estivi

Due i progetti di educazione ambientale promossi dal circolo Delta del Po e dedicati agli spazi urbani


Nell'ambito dei campi estivi gestiti a Codigoro dalla Cooperativa Sociale Girogirotondo, nei giorni scorsi il circolo Legambiente Delta del Po ha coinvolto i giovanissimi partecipanti nella prima attività di laboratorio ambientale all'interno delle delle scuole elementari.

Divisi in due gruppo e seguiti da un tutor, i ragazzi si sono cimentati con 'Il paesaggio urbano che vediamo tutti i giorni”, un progetto che ha l’obiettivo, attraverso l’attività di gruppo, di valorizzare il paesaggio urbano che ci sta attorno e che i bambini incontrano nel loro percorso quotidiano, lo stesso che è entrato nella nostra memoria ed è diventato un patrimonio culturale. 

L'attività li ha visti realizzare alcuni disegni in cui erano ritratti, ad esempio, le case del quartiere confinante con la scuola, gli alberi del parco della scuola che ci donano ombra e ossigeno, il fiume che attraversa Codigoro (il Po di Volano), la bella facciata della Biblioteca Comunale (Palazzo del Vescovo), disegni che poi hanno tappezzato la parete di un’aula della scuola, commentati e interpretati con l'aiuto dei tutor

"Riconoscere il paesaggio urbano che ci circonda, riconoscere alcune strutture urbane ed esprimere un giudizio è un primo passo per poi esprimere considerazioni per cambiarlo o migliorarlo" racconta Marino Rizzati, presidente di Legambiente impegnato direttamente nell'attività insieme al tutor Lorenzo Fogli, educatore socio-culturale.

Oltre a quella dedicata al gruppo codigorese, Legambiente promuove con i ragazzi coinvolti nei campi estivi a Porto Garibaldi il progetto 'Progettare la città che vorrei', che intende stimolare la fantasia e ad individuare soluzioni sostenibili ai fabbisogni dei residenti rispetto agli spazi disponibili in città. 

Condividi su:

Altre notizie: