News

CLARA entra nella giunta di Confservizi Emilia Romagna

CLARA entra nella giunta di Confservizi Emilia Romagna

Il direttore Alfredo Amman nominato a Bologna nei giorni scorsi


C’è anche il nuovo direttore generale di Clara nella giunta esecutiva di Confservizi Emilia-Romagna, l’associazione alla quale aderiscono i soggetti gestori dei servizi pubblici locali e regionali. Nel corso dell’assemblea generale degli associati, che si è svolta martedì 23 giugno a Bologna, sono stati rinnovati infatti gli organi esecutivi (Giunta, Presidente e Revisore dei Conti), che rimarranno in carica per i prossimi 3 anni. Tra i dieci componenti della giunta è stato nominato appunto Alfredo Amman, direttore di Clara dal 1° aprile scorso.

L’assemblea annuale è stata anche l’occasione per fare il punto della situazione rispetto al ruolo e al contributo che le aziende di servizio pubblico regionale possono svolgere nella fase della ripartenza post emergenza Covid. I servizi pubblici locali durante il periodo del lockdown hanno dovuto affrontare e superare i problemi e le difficoltà organizzative e gestionali indotte dal Covid19, cercando di mantenere la continuità dei servizi e al contempo di garantire ai propri dipendenti le condizioni per lavorare in sicurezza.

All’assemblea di Confservizi ER, ha partecipato, in videconferenza, anche l’assessore regionale alle Politiche Ambientali Irene Priolo, che ha voluto ricordare gli impegni e gli obiettivi in tema di sostenibilità ambientale ed economia circolare contenuti nel programma di mandato, che apriranno un’importante fase di pianificazione strategica che comprenderà anche il Piano Rifiuti.

«Ho accettato con piacere la nomina in Giunta di Confservizi – ha dichiarato Alfredo Amman – perché credo che Clara possa integrare efficacemente il tavolo portando l’esperienza di un territorio così esteso ed eterogeneo quale è quello servito. E in più il confronto con altri gestori regionali permetterà alla Società di crescere: il percorso di regolazione del settore rifiuti è un banco di prova importante, nel quale collaborare coi vicini sarà un esercizio nobile e produttivo».



Condividi su:

Altre notizie: