Comacchio e Lidi

Istituto Remo Brindisi, conclusi gli esami di maturità 'Covid'

Istituto Remo Brindisi, conclusi gli esami di maturità

Tutti i numeri degli esami di Stato nella scuola di Lido Estensi


Gli Esami di Stato appena conclusi saranno ricordati negli anni a venire per tanti motivi. I diplomati del 2020 potranno raccontare il passaggio repentino dalla didattica in presenza a quella digitale e a distanza, come punto di svolta nella storia della scuola, delle prove scritte saltate e dei volti dei loro docenti in commissione coperti dalle mascherine anti-covid, ma l'impegno, l'adrenalina e le emozioni scaturite dal colloquio che rimarranno nella memoria saranno ancora gli elementi che da sempre caratterizzano l'esame della cosiddetta maturità. 

Sono stati un’ottantina i candidati protagonisti di questo particolare esame che hanno frequentato i corsi diurni e serali dell'istituto superiore Remo Brindisi di Lido degli Estensi. Ventisette hanno raggiunto un punteggio compreso tra 80 e 89, altri 13 si sono collocati nella fascia 90-99. Un 100 per ogni classe quinta dell'indirizzo diurno di Enogastronomia e Ospitalità alberghiera

Ha ottenuto 100/100esimi con Lode Francesco Caranti di Sant’Alberto (V A del corso di cucina): per lui i minuti prima del colloquio sono sembrati un’attesa infinita, ma si era preparato meticolosamente perchè ci teneva a far bene l’esame. I suoi 5 anni al Remo Brindisi sono stati molto intensi e potrebbero essere sintetizzati in poche ma efficaci parole: “team working e passione”, l’impegno e la motivazione hanno messo in secondo piano la fatica. Francesco riconosce che le sue competenze e i suoi successi professionali ai concorsi siano anche frutto di un buon lavoro di squadra realizzato dai docenti che lo hanno preparato. Le sue prospettive per il futuro comprendono sia il lavoro che lo studio, sta pensando infatti di iscriversi a scuole di specializzazione come l’Alma di Colorno o l’Accademia italiana di cucina di Roma.

Massimo dei voti (100/100) anche per Elisa Felletti di Comacchio (V B del corso di sala): tesissima prima di entrare in aula, ma poi la paura è passata e per lei l’esame è stata un’ultima bella interrogazione insieme ai suoi professori. Creatività ed esperienze sono le parole che sintetizzano il suo percorso quinquennale per la varietà dei banchetti nella scuola e nelle location esterne. Il sogno di Elisa è quello di trasformare la sua passione per la danza in un lavoro e di tornare a Londra, dove era stata a settembre con una borsa di studio per il suo stage artistico. Nel frattempo lavorerà come barlady, una professione che le piace molto.

100/100 anche per Giorgia Caravita di Alfonsine (V C di accoglienza turistica), aveva deciso di vedere l’esame di una sua compagna di classe per capire come sarebbe stato, ma non voleva nessuno al suo, poi non è andata in questo modo... e un amico è entrato. I professori l’hanno messa a suo agio e lei ha facilmente superato l’ansia. Nei cinque anni ha lavorato molto con progetti contestualizzati nel territorio, in hotel, agenzie di viaggi e campeggi; Gorgia è determinata a rimanere in questo ambito lavorativo e ha deciso di costruire il suo futuro nel mondo del turismo, frequentando un corso per Manager delle strutture ricettive dell’ITS di Rimini.

Infine Alex Bagnari di Alfonsine (V A dell’indirizzo di Manutenzione e Assistenza Tecnica): anche per lui è stato emozionante rivedere tutti gli insegnanti dopo tanti mesi, ma era comunque tranquillo nell’esposizione del suo elaborato sulla progettazione di un gruppo elettrogeno finalizzato ad alimentare un concerto. Spigliato e disinvolto nel public speaking, ha girato numerosi video per tenere memoria dei suoi stati d’animo durante il lockdown e un video di saluti che ha mostrato alla sua commissione. Alex ha da poco superato un provino e a settembre inizierà la sua esperienza all’Accademia di recitazione cinematografica di Bologna.

"Sono risultati di cui andare fieri - commenta il Dirigente Scolastico Silvia Tognacci - sia a livello didattico che umano. Tutti gli studenti diplomati quest'anno hanno fatto crescere la scuola riempiendola di calore umano e di entusiasmo, facendosi coinvolgere nelle numerose iniziative proposte. Auguro a tutti loro di realizzarsi a livello professionale e di conservare un bel ricordo degli anni vissuti nel nostro istituto, di non perdere mai il desiderio di formarsi, di affrontare sempre serenamente le nuove situazioni e di vivere la realtà con consapevolezza per decidere del loro futuro".

Condividi su:

Altre notizie: