Delta

L'airone e i versi di Bassani sulla Palazzina Iat di Pomposa

L

L'ultima opera del pittore olandese Jos Peeters, parte del progetto 'I luoghi dell'Airone'


Spicca in tutto il suo splendore il grande airone disegnato sulla Palazzina Iat di Pomposa, il parco abbaziale di Codigoro in cui l'artista Jos Peeters ha voluto rendere omaggio allo scrittore Giorgio Bassani, autore de L'airone e particolarmente legato al territorio di Ferrara e del Delta

Un'opera quella di Peeters che si aggiunge ai tanti altri murales disseminati nel centro storico di Codigoro, nei luoghi chiave della storia locale, quelli citati nella celebre opera dello scrittore bolognese. Stiamo parlando appunto dei 'luoghi dell'Airone', valorizzati dalla mano straordinaria di Peeters, pittore olandese protagonista assoluto di questo progetto artistico promosso e sostenuto dal Comune di Codigoro e da Pro Loco Codigoro.

Un progetto che ha vestito edifici e palazzi, portici e palazzine storiche di Codigoro di colorate decorazioni strettamente legate ai luoghi che le accolgono, gli stessi narrati da Giorgio Bassani nel suo romanzo pubblicato nel 1968 e vincitore l'anno successivo del prestigioso Premio Campiello.

“E ben presto, senza mai scendere al di sotto dei settanta, giunse in vista dell’abbazia di Pomposa. Da quanto tempo non arrivava da quelle parti! – non poté fare a meno di sospirare mentre l’Aprilia filava veloce lungo il rettilineo finale –. Ma era contento, però: contento che l’abbazia, a prescindere dalla vegetazione di gran lunga più folta che la circondava attualmente (segno questo che le idrovore del Consorzio Bonifiche avevano potuto continuare a lavorare indisturbate anche negli ultimi anni), fosse passata attraverso la guerra conservando intatto il suo aspetto originario di grossa azienda agricola tipo la Montina. Eh già – si diceva, fissando le rosse, antiche pietre del monastero –. Con quella torre campanaria, da un lato, capace come un silo di granaglie; con quella chiesa nel mezzo che più che una chiesa faceva venire in mente un fienile; con quegli altri fabbricati disadorni, sulla destra, disposti come case coloniche intorno all’aia: effettivamente, se pure in grande, Pomposa assomigliava in tutto e per tutto alla Montina”.

(Giorgio Bassani, L’Airone, in Il romanzo di Ferrara, libro V, Milano, Mondadori, p. 59)

Condividi su:
Per fare pubblicità in questo spazio contattaci

Altre notizie: