Comacchio e Lidi

Bonus Vacanze, fino a 500 euro a famiglia: come funziona

Bonus Vacanze, fino a 500 euro a famiglia: come funziona

Lo ha previsto il Decreto Rilancio, escluse le prenotazioni su Booking e Airbnb


Annunciato e confermato nel testo ufficiale del Decreto Rilancio il Bonus Vacanze (Tax Credit Vacanze), un contributo fino a 500 euro che andrà a coprire le spese sostenute per soggiornare in alberghi, campeggi, bed breakfast in Italia. Di importo variabile, il bonus sarà destinato alle famiglie con un reddito Isee fino a 40 mila euro, che otterranno 500 euro se composte da 3 o più soggetti, 300 euro se composte da due persone oppure 150 euro nel caso di famiglia monocomponente. 

Il contributo potrà essere speso dal 1 luglio al 31 dicembre 2021 e consentirà di ottenere subito uno sconto dell'80% direttamente sul corrispettivo pagato alla struttura ricettiva e di recuperare poi il restante 20% attraverso una detrazione di imposta sul reddito, in sede di dichiarazione dei redditi 2020 (che si dovrà presentare nel 2021).

In questa fase saranno dunque gli albergatori ad anticipare il bonus attraverso un mancato incasso delle somme che poi saranno rimborsate dallo Stato sotto forma di credito di imposta cedibile a soggetti terzi, banche comprese. 

Tornando al bonus, il decreto prevede alcune condizioni imprescindibili per l'utilizzo del bonus:

- le spese devono essere sostenute in un'unica soluzione in relazione ai servizi resi da una singola impresa turistico-ricettiva, da un singolo agriturismo o da un singolo bed & breakfast;
- il totale del corrispettivo deve essere documentato da fattura elettronica o da documento commerciale nel quale è indicato il codice fiscale del soggetto che intende fruire del credito;
- il pagamento del servizio deve essere corrisposto senza l'ausilio l'intervento o l'intermediazione di soggetti che gestiscono piattaforme o portali telematici diversi da agenzie di viaggio e tour operator.

Sono dunque esclusi dal godimento del bonus pacchetti e soluzioni vacanza prenotati ad esempio tramite Booking o Airbnb, aziende che non hanno nascosto il malcontento in questi ultimi giorni per tale decisione del legislatore. 


Condividi su:

Altre notizie: