Comacchio e Lidi

Casa Museo Remo Brindisi, arriva la visita virtuale

Casa Museo Remo Brindisi, arriva la visita virtuale
Dopo il successo delle visite virtuali dedicate al Museo Delta Antico, il Comune di Comacchio annuncia per domenica 17 maggio un percorso di visita online alla Casa Museo Remo Brindisi di Lido di Spina

Alle ore 16.30 sulla pagina Facebook del Museo (a questo link) e su visitcomacchio.it si potrà partecipare ad un percorso di conoscenza illustrato da Laura Ruffoni, responsabile del servizio Istituzioni Culturali del Comune di Comacchio. La durata della visita sarà di circa 30 minuti.

LA CASA MUSEO REMO BRINDISI
Un'opera d'arte in fregio alla pineta litoranea di Lido di Spina, a poca distanza dal mare. Inaugurata nel 1973, è stata donata al Comune di Comacchio nel 1996 per volontà testamentaria del Maestro. L'edificio disegnato dall'architetto - design Nanda Vigo accoglie le numerose opere artistiche della collezione con particolare attenzione alle creazioni del Novecento. Al suo sorgere il Museo rappresentava l'approdo estivo del maestro e dei suoi famigliari e, quindi, la connotazione di “casa-museo alternativo” apriva alle contaminazioni dell'arte nella vita, poiché ogni oggetto si nutriva d'arte e fra architettura, design e scultura, il bello interagiva nello spazio.

Nel modernissimo linguaggio delle volumetrie, che rivela la sua anima spazialista, si erge il grande cilindro che compone il corpo più interno della struttura da cui si sviluppa quasi una nervatura: il vortice della scala che diparte dal centrale salotto nero. L'idea di uno spazio iperuranico ha sostenuto l'idea di creare una collezione in progressione. Il giardino retrostante, costellato di sculture, si protende verso il mare, e questo spazio, quasi un hortus conclusus, ora accoglie un'arena all'aperto, dedicata alla proiezione di film d'essai, a concerti di musica, a spettacoli di teatro in un programma estivo tutto da scoprire.

La Casa Museo 'Remo Brindisi' ha ottenuto lo status di Museo di qualità riconosciuto dall'Istituto per i Beni Culturali dell'Emilia-Romagna.

Condividi su:

Altre notizie: