News

Nuovo Decreto Conte: stop fino al 13 aprile e chiarimenti sull'attività all'aperto

Nuovo Decreto Conte: stop fino al 13 aprile e chiarimenti sull

Prorogate le misure di contenimento fino a nuova valutazione 


Mercoledì 1 aprile il Premier Giuseppe Conte, in diretta streaming da Palazzo Chigi, ha annunciato la firma di un nuovo DPCM, un nuovo provvedimento con cui si interviene a:

1) prorogare le misure di contenimento per l’emergenza coronavirus, così come disposte nei decreti precedenti, fino al 13 aprile prossimo.
A tale data verrà effettuata una nuova valutazione assieme al comitato tecnico - scientifico che consentirà di comprendere se potremo, a quel punto, entrare nella “fase 2” ovvero quella di convivenza con il virus in cui si iniziano ad adottare delle misure di allentamento. Conte ha spiegato che non è detto che tale seconda fase inizi il 13 aprile.
Al termine della seconda fase giungeremo alla “fase 3” ovvero quella di uscita dall’emergenza e di ripristino delle attività lavorative, sociali e dunque della ricostruzione della nostra vita sociale ed economica.

2) sospendere le sedute di allenamento degli atleti, onde evitare che delle società sportive possano pretendere l’esecuzione della prestazione sportiva anche semplicemente nella forma di allenamento. Non sono più consentite sedute di allenamento tanto più collettive negli impianti delle società. Gli atleti potranno allenarsi in forma individuale. Conte precisa che la stretta riguarda anche le società di calcio.

Non mancano poi i chiarimenti del presidente del Consiglio Giuseppe Conte sulla circolare del Viminale del 31 marzo sull' "ora d’aria” per i bambini e sull’attività sportiva.

In merito alla circolare interpretativa diramata il 31 marzo dal Viminale ed alla cosiddetta “ora d’aria” consentita ai figli minori, Conte ha spiegato come non sia stata affatto autorizzata “l’ora del passeggio coi bambini” ma che semplicemente in fase di interpretazione il Governo ha spiegato che se ci sono dei genitori con figli minori, visto che i bambini sono gli unici che non possono uscire, si ritiene possibile che il genitore, mentre va a fare la spesa, possa portare con sé il proprio figlio.

Il Premier ha poi sottolineato che questa non deve essere occasione per il genitore di andare a spasso con i propri figli. Non si tratta di un allentamento delle misure restrittive.

In merito alle domande poste dai giornalisti in collegamento in occasione della conferenza stampa riguardo al corto circuito interpretativo creatosi a seguito delle varie normative e chiarimenti succedutesi sulla possibilità di praticare attività sportiva, Conte ha affrontato il tema degli atleti ma nulla ha aggiunto in merito alla possibilità di fare sport per chi non svolge tale attività a livello professionistico.

Si deve dunque concludere che resta quanto già stabilito e le questioni interpretative legate alla circolare del Viminale su questo tema si risolvono con la precisazione del 1° aprile del Ministero dell'Interno, intervenuto a seguito del caos interpretativo determinato dalla Circolare in questione per chiarire gli aspetti più problematici. 

I chiarimenti del Ministero degli Interni in data 1° aprile 2020

Attraverso un comunicato sul proprio sito istituzionale, il MInistero dell'Interno spiega che:

- camminare all’aperto con i figli è consentito, ad un solo genitore, in quanto tale attività può essere ricondotta alle attività motorie all’aperto, purché in prossimità della propria abitazione. La stessa attività può essere svolta, inoltre, nell’ambito di spostamenti motivati da situazioni di necessità o per motivi di salute.
Attività ludica o ricreativa all’aperto, accesso ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici restano non consentite per tutti.

- attività motoria e jogging: “L’attività motoria generalmente consentita non va intesa come equivalente all’attività sportiva (jogging), tenuto anche conto che l’attuale disposizione di cui all’art. 1 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 9 marzo scorso tiene distinte le due ipotesi, potendosi far ricomprendere nella prima, come già detto, il camminare in prossimità della propria abitazione”.
Ciò non ha aggiunto nulla e non ha eliminato i dubbi sull’attività sportiva all’aperto. 

I chiarimenti del Ministero dell'Interno via Twitter

A chiarire ulteriormente l’interpretazione delle norme, il Ministero è intervenuto via social sul proprio profilo Twitter (clicca per leggere), precisando che: “È consentita l’attività sportiva (jogging) e l’attività motoria (camminata) nei pressi della propria abitazione”.

Finalmente una risposta chiara, si potrebbe dire, seppure affidata ad un profilo social piuttosto che ad un canale più istituzionale.

Altri post del Ministero sul medesimo social recitano: “È consentito l'accompagnamento di #anziani o #inabili per spostamenti, nei pressi dell'abitazione, legati a motivi di necessità o salute” e ancora “Un solo genitore può camminare con i figli minori in prossimità della propria abitazione o spostarsi insieme a loro in situazioni di necessità o per motivi di salute”. 

Non ci resta ora che attendere il testo del Decreto.

Per ciò che concerne infine gli interventi sull’economia, nell’attesa di saperne di più, possiamo leggere le dichiarazioni pubblicate sulla pagina Regioni.it relativa alla Conferenza delle Regioni e delle Provincie Autonome, ove sono riportate le dichiarazione di Conte e dei Ministri interessati in merito a liquidità alle imprese, aumento del bonus previsto per lavoratori autonomi e partite Iva e misure di sostegno all’occupazione.

Vedi i chiarimenti del Ministero dell'Interno al 1 aprile su:
http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioNotizieNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=4374

Vedi la Circolare del Ministero degli Interni al 31 marzo su:
http://www.trovanorme.salute.gov.it/norme/renderNormsanPdf?anno=2020&codLeg=73785&parte=1%20&serie=null

Vedi le anticipazioni sugli interventi economici su:
http://www.regioni.it/newsletter/n-3811/del-01-04-2020/coronavirus-nuovi-provvedimenti-e-questioni-economiche-21022/

Condividi su:
Per fare pubblicità in questo spazio contattaci

Altre notizie: