Delta

"Codigoro, un territorio off limits per l'abbandono rifiuti"

"Codigoro, un territorio off limits per l

Stop al degrado ambientale! Questo è l'obiettivo, ma anche l'appello lanciato dalla sala del consiglio comunale, durante la presentazione dei risultati ottenuti dalle recenti attività di repressione dell'abbandono dei rifiuti sul territorio. 

"Il vento sta cambiando - ha sottolineato il sindaco Alice Zanardi -, il tema della tutela ambientale è molto sentito, dal pianeta giunge un grido d'allarme, al quale non possiamo sottrarci, un grido di cui si è fatta portavoce una giovanissima svedese, Greta Thumberg. Ciascuno di noi può fare qualcosa per cercare di cambiare le cose". 

Il resoconto delle azioni di contrasto compiute negli ultimi mesi del 2019, in alcune aree del territorio soggette a frequenti episodi di abbandono dei rifiuti, parlano chiaro: i volontari di Lida, appositamente formati, hanno compilato quattro verbali a carico di altrettanti trasgressori. Gli accertamenti sono stati compiuti, applicando il regolamento Atesir, nel parcheggio dell'ex-ospedale (via Crocettola) e le violazioni ammontano complessivamente ad 800 euro. 

La Polizia Municipale del Delta nel mese di dicembre ha colto in flagranza un trasgressore, in via Argine Assunteria e nel mese di dicembre un altro soggetto, intento ad abbandonare rifiuti di fianco alla campana del vetro situata nel parcheggio di Via Crocettola a Codigoro. L'ammontare complessivo delle violazioni accertate è pari a 400 euro. 

Anche i militari della stazione Carabinieri di Codigoro, a seguito di appostamenti e specifiche attività d'indagine, tra novembre e dicembre, hanno contestato 4 violazioni per abbandono di rifiuti (due in via Crocettola, una a Pontemaodino e una a Codigoro), per un ammontare complessivo di 2.400 euro.

"I rifiuti abbandonati poi vanno recuperati - ha ricordato il sindaco - e i costi ingenti ricadono sulla comunità. Si è deciso che è venuto il momento di dare schiaffi morali a chi provoca il degrado. Abbiamo definito questi soggetti sporcaccioni, alcuni dei quali, dopo essere stati sanzionati, hanno avuto il coraggio di chiedermi un colloquio e di inventare pretesti artificiosi, per discolparsi. L'obiettivo non è fare cassa - ha aggiunto il sindaco -, ma fermare questa inciviltà". 

Il sindaco ha infine ribadito la necessità di fare rete tra istituzioni e comunità, invocando la collaborazione attiva dei cittadini, anche segnalando alle autorità competenti, episodi di abbandono o coloro che sono stati visti rendersi responsabili di illeciti ambientali. 

Plaudendo all'iniziativa del Comune di Codigoro, che da subito ha colto la piena, fattiva collaborazione delle forze di polizia operanti sul territorio, il presidente di Clara Annibale Cavallari ha evidenziato come "questa presa di posizione deve essere estesa anche ai territori vicini, agli altri enti soci. Occorre creare una rete unitaria per contrastare questo fenomeno, perchè quando si spargerà la voce che Codigoro è un territorio off limits per l'abbandono, chi si sbarazza dei rifiuti, si sposta altrove". 

Roberto Spiandorello, responsabile della raccolta differenziata per Clara, dopo aver rilevato che nell'ultimo biennio sono stati 1320 gli interventi di recupero straordinario di rifiuti nel territorio codigorese, effettuati tra fossi e banchine stradali (in 25 distinte aree), ha osservato come "l'abbandono rappresenta un danno di immagine per l'ambiente e per l'azienda. Speriamo che questa concertazione venga estesa senza se e senza ma".


Condividi su:

Altre notizie: