Delta

Codigoro Green, via al progetto per un Comune sempre più sostenibile

Codigoro Green, via al progetto per un Comune sempre più sostenibile

Tutela ambientale, condivisione e diffusione di buone pratiche di sostenibilità, valorizzazione del senso di appartenenza alla comunità, promozione ed attuazioni di iniziative ed azioni di partecipazione attiva della popolazione a tutela dell’ambiente costituiscono le fondamenta di un nuovo progetto, denominato CODIGORO GREEN, un percorso avviato dal Comune di Codigoro, in partnership con l’Amministrazione Provinciale di Ferrara, con Clara, Cadf, le associazioni Lida e SVA – Servizio Vigilanza Ambientale di Legambiente.

Un progetto che si snoderà nel corso dell'anno e che vedrà il coinvolgimento attivo della popolazione e delle scuole, tra incontri pubblici e tavoli tematici, eventi en plein air, workshop e laboratori didattici, tutti uniti da un comune denominatore: contrastare l’abbandono indiscriminato dei rifiuti e promuovere, al contrario, iniziative a salvaguardia di un territorio magnifico, quale è quello di Codigoro, immerso nel Parco del Delta del Po.
 
Forte di una candidatura inter-istituzionale, Codigoro Green ha ottenuto a settembre scorso un finanziamento regionale di importo pari a 14.100 euro, finalizzati alla copertura dei costi di attuazione. L’Amministrazione Comunale co-finanzia il progetto attraverso un proprio contributo di 2.500 euro.

Sono due, quindi, i principi ispiratori di Codigoro Green, tutela ambientale e cittadinanza attiva, quest’ultimo in ossequio alla Legge Regionale 15/2018, che si prefigge l’obiettivo di far crescere le comunità locali, rafforzando i principi di convivenza civile e di appartenenza identitaria alla comunità. Una delle prime azioni del progetto consiste nella creazione di uno o più gruppi di monitoraggio del territorio, allo scopo di mappare i luoghi sensibili, più soggetti al fenomeno di abbandono dei rifiuti.
 
“Abbiamo creduto molto nel bando e abbiamo sottoscritto un accordo di programma - spiega il sindaco Alice Zanardi -  con più partners, cosa che ci ha permesso di acquistare un punteggio maggiore. Ci siamo classificati in un'ottima posizione in graduatoria, al 25° posto su 38 progetti finanziati e 77 presentati. La qualità del progetto è stata valutata quasi con il punteggio massimo. Si formeranno figure nuove, una sorta di sentinelle del fiume - prosegue il sindaco - da istituirsi in ciascuna delle nostre frazioni".

Maira Passarella, presidente del Cadf, entusiasta per l'adesione al progetto, ha sottolineato come "è una nostra mission naturale, un nostro dovere morale, muoverci nella direzione della riduzione dei rifiuti, dato che gestiamo il servizio idrico integrato e promuoviamo attività di educazione ambientale nelle scuole. Lavorare in rete è un valore aggiunto e ci adopereremo affinchè il progetto evolva al meglio". 
 
Sostegno entusiasta anche da Clara, rappresentata durante la conferenza stampa dal presidente Annibale Cavallari, il quale ha rimarcato come "le fototrappole con l'applicazione delle multe a chi non rispetta l'ambiente sono un dissuasore temporaneo. Funziona l'educazione - ha aggiunto Cavallari - e da anni conduciamo attività strategiche nelle scuole con i bimbi, diffondendo i valori del rispetto ambientale e della raccolta differenziata. Questo progetto ci consente di sviluppare ulteriormente questi temi, coinvolgendo in maniera più incisiva la popolazione."
 
Presenti anche Pierluigi Gentili, presidente del Servizio Vigilanza Ambientale di Legambiente e Stefano Melotti, vice presidente provinciale di Lida, partners del progetto, che vede partecipe con un ruolo di co-protagonista anche la Polizia Provinciale di Ferrara, rappresentata dal Comandante Claudio Castagnoli. Quest'ultimo, ricordando il successo della giornata ecologica che si è svolta a Mezzogoro il 30 novembre scorso, ha ribadito il pieno supporto all'attuazione del progetto Codigoro Green, "perchè la difesa dell'ambiente è un tema che tocca tutti in prima persona e non può essere rinviato a domani". 

L'Assessore ai processi partecipativi Samuele Bonazza ha evidenziato che "una volta uscito il bando, ci siamo da subito orientati sul green, puntando ad una partnership consolidata, perchè riteniamo che la partecipazione attiva rafforzi il senso civico della collettività. Confidiamo che alla fine possano scaturire risultati importanti, che tutti auspichiamo."
 
A chiudere la presentazione, il dirigente comunale Alessandro Cartelli, il quale ha rimarcato che "questo progetto è l'ennesimo tassello di una strategia complessa, che l'amministrazione comunale sta portando avanti. Tante sono le iniziative svolte, ma tante altre sono in programma per i prossimi mesi, per segnare il passo nella direzione di un Comune sempre più sostenibile, proiettato all'innovazione anche in campo ambientale."

Condividi su:

Altre notizie: