News

Dallo Yoga tanti benefici anche per i bambini

Dallo Yoga tanti benefici anche per i bambini

Lo yoga è una disciplina millenaria, eppure estremamente moderna e attuale, riconosciuta come una delle più complete per la salute del corpo e della mente, utile per sviluppare la conoscenza di sé e ritrovare una condizione di armonia psicofisica

Si tratta di una disciplina orientale la cui efficacia è riconosciuta anche dal mondo scientifico, sempre più diffusa fra gli adulti ma è un’ottima pratica anche per i bambini, soprattutto quelli un po' agitati, che faticano a stare fermi, o sono ansiosi, aggressivi, paurosi e manifestano difficoltà d’attenzione. 

Tutti sintomi di cui sempre più spesso i bambini sono vittime a causa della vita frenetica a cui sono sottoposti. Ma i benefici dello yoga sono molteplici. A livello fisico, infatti, lo yoga è utile nei bambini che hanno problematiche legate alla postura: aiuta infatti a mantenere la colonna vertebrale più dritta e allineata. I movimenti diventano più coordinati, più agili, flessibili, esso migliora la consapevolezza del proprio corpo e anche il processo di lateralizzazione. 

Nella vita dei bambini, il movimento è fondamentale, perché attraverso esso il bambino cresce sano, formando corpo e mente. Oggi più che mai il movimento viene invece impedito, tentando di tenere i bambini più fermi possibile: stanno ore seduti sui banchi a scuola, poi a casa a fare i compiti, per poi 'giocare' davanti al pc o guardando la tv. Non potendo muoversi, accumulano stress, agitazione e nervosismo che non riescono a scaricare. Anche in questo caso lo yoga si rivela prezioso: al contrario di molte attività sportive, che sono salutari ma che costringono il bambino a sottostare a regole imposte da altri e al raggiungimento di un risultato, lo yoga lascia libero il bambino di praticare un’attività come se fosse un gioco, ma senza le imposizioni di regole o risultati, e con il vantaggio di favorire il rilassamento, la scoperta di sé e delle proprie facoltà. 

Lo yoga aiuta anche a sviluppare un corretto modo di respirare, cosa che noi adulti abbiamo perso; la respirazione infatti è fondamentale per il buon funzionamento del metabolismo, per un maggior senso di benessere e rilassamento. Grazie infatti al rilassamento e alla concentrazione, lo yoga aiuta il bambino a scacciare sentimenti negativi come la paura e l’ansia, rafforzando il suo carattere e insegnandogli ad autocontrollarsi e a conoscere e gestire le sue emozioni e i suoi pensieri. E non dobbiamo dimenticarci dell’aspetto ludico: una seduta di yoga è infatti diversa da quella per adulti, ed è creata in modo che la fantasia e la creatività aprano la strada al divertimento e al gioco, pur mantenendo intatto l’aspetto spirituale della disciplina. 

Le varie posizioni, che hanno già di per sé nomi fantasiosi (fra cui spiccano il leone, il fenicottero, il cane, la mucca, la barca…) sono in genere presentate in forma di fiaba, racconto o poesia: un altro espediente che contribuisce a sviluppare le capacità cognitive e sociali nel bambino. 

Visto i benefici, lo yoga non si potrebbe insegnare a scuola?
Ci sono diversi protocolli, firmati dal Governo italiano con la Federazione Yoga, per promuovere questo tipo di attività, magari durante le ore di ginnastica, con la collaborazione di personale qualificato. Molto spesso, però, le scuole si fermano di fronte alla mancanza di fondi, che andrebbe superata attingendo alle risorse che ciascun istituto può ottenere per progetti formativi speciali. 

Secondo vari studi che sono stati compiuti in Italia, in alcune scuole in cui lo yoga è stato inserito nell’offerta formativa si sono registrati meno casi di bullismo e aggressività. Inoltre lo yoga è consigliato anche dalla Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale, che riconoscono allo yoga il merito di sviluppare le potenzialità del bambino, in modo che possa avere una personalità equilibrata, autonoma e libera da condizionamenti. 

A cura di 
DOTT.SSA MONICA CONTI, PSICOLOGA 
Mail: monica.conti590@gmail.com
Tel: 348 8241179

LEGGI ANCHE:

PARLIAMO DI DISLESSIA: VALUTAZIONE, DIAGNOSI E SOLUZIONI 
ERRORI DI ORTOGRAFIA: SONO TUTTI UGUALI? NE PARLIAMO CON LA PSICOLOGA 


Condividi su:

Altre notizie: