Comacchio e Lidi

Servizio Sanitario: come comportarsi in caso di bisogno di protesi e ausili per disabili?

Servizio Sanitario: come comportarsi in caso di bisogno di protesi e ausili per disabili?

Come funziona il sistema sanitario italiano in materia di protesi, ortesi ed ausili in caso di invalidità? Ne parliamo con Federico e Laura Dall'Olio titolari, assieme al collega Massimiliano, di Sanitaria Romagnola, convenzionata AUSL e INAIL, che dal 1954 si prende cura della nostra salute attraverso competenza, professionalità e prodotti di alta qualità.

Chi ha diritto di accedere alle forniture gratuite?
"Il nostro Sistema Sanitario Nazionale prevede che tutti gli invalidi (con percentuale superiore al 33%), possano ricevere protesi, ortesi o ausili per correggere o compensare menomazioni e disabilità funzionali, al fine di migliorare la loro qualità di vita" spiega Laura "Ricordiamo che rientrano negli aventi diritto anche altre categorie: i minorenni, le persone allettate, i pazienti con incontinenza stabilizzata e i pazienti oncologici" specifica.

Da dove deve partire?
Ci risponde Federico: “Prima di tutto occorre richiedere una visita specialistica in ambito ospedaliero: il medico durante la valutazione deciderà quali tipi di presidi fornire all’utente e rilascerà una prescrizione. In quest’ultima è fondamentale che compaiano i cosiddetti codici ISO che identificano nel dettaglio i vari ausili prescritti” e continua “ con la prescrizione originale ed una copia dell’invalidità il paziente potrà recarsi all’ufficio protesi dell’AUSL di residenza per richiedere l’autorizzazione alla fornitura. Solo a questo punto sarà possibile erogare i servizi prescritti dal medico”.

Considerando la procedura non semplice, nei vostri punti vendita di Lugo e di Porto Garibaldi fornite anche un servizio di consulenza per agevolare gli utenti?
"Certamente! Nelle nostre sedi assistiamo il cliente per tutto l'iter: una volta che il paziente si è recato dal medico ed è in possesso della prescrizione potrà semplicemente portarci quest’ultima e saremo noi a controllare la correttezza dei codici, eventuali errori formali nella compilazione, ed infine ad andare all’ufficio protesi per farla autorizzare, sgravandolo così da lunghe attese e risvolti burocratici complessi!” prosegue Laura.

Una volta in possesso di tutti i documenti necessari, come si procede per l'erogazione dei presidi?
"Una volta rilasciata l’autorizzazione i presidi potranno essere erogati in due modi, direttamente dall’Ausl qualora si tratti di prodotti presenti nei loro magazzini o per materiale di consumo come i presidi per incontinenza o attraverso una sanitaria convenzionata che sarà scelta liberamente dall’utente".

In queste righe si è cercato riassumere una procedura complessa che può subire modifiche caso per caso, per questo motivo vi invitiamo a rivolgervi presso le nostre sedi per ulteriori dettagli: tutto lo staff di Sanitaria Romagnola è a vostra completa disposizione.

Ricordiamo che nei nostri negozi potrete trovare tanti ausili (anche con possibilità di prova a domicilio), apparecchiature a noleggio, montascale, ampia scelta di calzature ed intimo, sistemi antidecubito e di trasferimento, oltre alla possibilità di poter accedere dei servizi del nostro spazio multifunzionale, è possibile accedere a servizi quali trattamenti osteopatici pediatrici, trattamento acufeni, bendaggi elastocompressivi per linfedema e vasculopatie.

Infine i nostri Tecnici Ortopedici e Podologici laureati si occupano di “Plantari su misura” a 360°: dalla valutazione del paziente alla presa misure fino alla costruzione e alla consegna dell’ortesi personalizzata. 
 
La nuova sede di Porto Garibaldi, in viale Bonnet 30/a, è aperta dal lunedì al sabato dalle 9 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19 (chiuso giovedì pomeriggio). Per informazioni e appuntamenti è possibile contattare il numero 0533718151.

Condividi su:

Altre notizie: