Comacchio e Lidi

Salviamo gli alberi del Lido degli Scacchi: arriva la petizione

Salviamo gli alberi del Lido degli Scacchi: arriva la petizione

La stagione estiva nel lidi comacchiesi si è da poco conclusa ma ancora restano accese e calde le discussioni e le iniziative che riguardano la salvaguardia dell'ambiente e delle zone verdi messe a dura prova da progetti ed appalti giudicati dal punto di vista ambientale troppo poco scrupolosi.

Ultima nata, una petizione, promossa da un gruppo di cittadini di Ferrara e Comacchio "La voce degli alberi", che tuona tutta la propria disapprovazione e rabbia nei confronti dell'amministrazione comunale comacchiese che, per perseguire il progetto della nuova pista ciclabile, dovrà tagliare ben 34 pini domestici nella frazione del Lido degli Scacchi.

"Nei più virtuosi Stati del nord Europa - si legge nel testo della petizione - le ciclabili più belle sono proprio quelle che passano in mezzo ai boschi. Con il Coordinamento e il sostegno del Circolo Legambiente di Comacchio, le volontarie in agosto hanno raccolto 1098 firme contro l’abbattimento degli alberi, realizzato un incontro con i tecnici del Comune ed un flash mob di protesta sul posto, con la presenza della stampa locale. Niente da fare: si intende procedere con l’abbattimento dei pini. L’Amministrazione non è disponibile ad aprire un tavolo per altri incontri: sostiene che se non si procede con i lavori dovrà pagare una penale".

"Inoltre, a prescindere dalla ciclabile, vogliono eliminare i pini per la sicurezza stradale: ma perché tagliarli, ci chiediamo, visto che a inizio giugno il Comune ha pareggiato la pavimentazione di asfalto, in corrispondenza di ogni albero, rendendo molto più agevole la percorrenza sia in bicicletta che a piedi? Riteniamo che l’abbattimento non sia assolutamente consono ai nostri lidi, che sono belli e accoglienti proprio grazie all’ombra degli alberi".

"Auspichiamo che i nostri amministratori locali si accorgano che le politiche ambientali in Europa stanno cambiando a causa del collasso climatico del nostro pianeta, pertanto, si invitano tutti i cittadini che volessero appoggiare la nostra causa a firmare la petizione da noi promossa" concludono i promotori dell'iniziativa. 

Chi volesse può sottoscrivere la petizione su Change.org, cliccando qui


Condividi su:

Altre notizie: