Delta

Dirty Delta Roads, un grande evento di sport e promozione turistica

Dirty Delta Roads, un grande evento di sport e promozione turistica
È considerato l'evento di punta della terza edizione del Festival della Natura, la manifestazione promossa dai Comuni di Codigoro, Mesola e Goro per la valorizzazione del turismo naturalistico nel cuore del Delta del Po. Si tratta del Dirty Delta Roads, un tour ciclistico non competitivo organizzato dal Delta Cycling Club, associazione sportiva dilettantistica con sede a Goro.

"Portare i ciclisti alla scoperta del nostro meraviglioso territorio è secondo noi un modo molto efficace di promuoverlo" spiega Marco Crivellari del Delta Cycling Club. "L'auspicio è che possa diventare un evento riconoscibile e duraturo nel tempo, come lo sono altri 'giri' ciclistici famosi in Italia. C'è tanta strada da fare ma di sicuro in quanto a natura e paesaggi non abbiamo nulla da invidiare a nessuno".

Alla sua prima edizione, il Dirty Delta Roads si sviluppa su 300 km di strade e sentieri delle province di Ferrara e Rovigo, nei territorio del Parco del Delta, lungo un percorso che ciascuno percorrerà alla velocità che desidera. "Ognuno in 28 ore può scegliere quanti km percorrere al giorno, quanto e dove fermarsi, cosa approfondire, cosa visitare e assaggiare, perché l'obiettivo è proprio quello di offrire ai partecipanti l'occasione di scoprire bellezze naturali, artistiche, storiche ma anche gastronomiche, ovviamente sperando che un giorno possano tornare a visitarci". 

Tra entusiasmo e ottimismo, il Delta Cycling Club spera che l'evento possa crescere sempre più nei prossimi anni, e intanto ringrazia le amministrazioni pubbliche che hanno sostenuto il lancio di questo progetto che unisce sport e promozione turistica. 

L'appuntamento con il Dirty Delta Roads è sabato 21 settembre, con partenza alle 7 dall'Oasi Canneviè di Volano (Codigoro).

I luoghi naturalistici più significativi che verranno toccati dal percorso sono tutti i sette rami del Delta del Po, le valli venete, la sacca di Scardovari, il bosco della Mesola, le pinete di Santa Giustina e di Mesola, la pineta di Volano, la salina di Comacchio, le valli di Comacchio, la pineta ed il lago di Spina. I luoghi storici più significativi saranno invece l'Abbazia di Pomposa, Comacchio e i Trepponti, il castello di Mesola, Torre Abate e Torre Palù.

Infine alcuni dettagli tecnici dagli organizzatori: la bici ideale per questo percorso è la Gravel ma ognuno è libero di effettuarlo con qualsiasi tipo di bici: mtb, fat bike, e-bike, bici da cicloturismo ecc. Il percorso sarà per circa il 40% su strade secondarie mentre per il resto percorrerete strade bianche, sterrati, tratti erbosi ma sarà presente anche qualche breve tratto di sabbia o sassi.

Per informazioni e per restare aggiornati sulle iniziative dell'associazione è possibile consultare la pagina Facebook 'Delta Cycling Club'

La foto di copertina è tratta dalla Pagina Facebook 'Delta Cycling Club'

LEGGI ANCHE

Condividi su:

Altre notizie: