News

Bambini e animali domestici, un'accoppiata dai tanti benefici

Bambini e animali domestici, un

Molte famiglie scelgono di accompagnare la crescita dei propri figli con la presenza di un animale, questo può rappresentare sicuramente un valore aggiunto alla loro educazione, arricchendo la vita di utili esperienze. 

Cani, gatti, criceti o conigli non è determinante: avere un animale domestico è sempre una buona opportunità di crescita. Quando una famiglia con bambini accoglie un animale domestico, la vita dei piccoli di casa diventa sicuramente più piena ed attiva. E’ dimostrato che un bambino che vive e cresce con un animale domestico riesce ad affrontare meglio stress e situazioni spiacevoli. I benefici della convivenza tra bambini e animali, coinvolgono anche e soprattutto la sfera affettiva, che riguarda la formazione della personalità del bambino e tutti i meccanismi psicologici legati al processo di crescita. 

Ma quali sono questi benefici?
Gli animali aiutano il bambino nella socializzazione perché essi comunicano con il loro diretto comportamento, non mentono, se vogliono rimanere, rimangono, se si stancano se ne vanno, non giudicano e con loro possiamo essere noi stessi. Donano amore incondizionato se sappiamo porci verso di loro in modo positivo ed equilibrato. Il bambino impara così a relazionarsi con l’altro evitando comportamenti scorretti che allontanano il loro compagno di vita rispettando le sue esigenze, i suoi spazi e i suoi ritmi.

La presenza di un animale in casa favorisce il senso di responsabilità: un bambino coinvolto nella cura del suo animaletto, impara a prendersi cura degli altri, impegnandosi in prima persona nella gestione di un essere diverso da sé divenendo più sensibile, rispettoso e tollerante verso la diversità.

L’interazione tra animale e bambino permette a quest’ultimo di migliorare le sue capacità di osservazione. Attraverso un’attenta osservazione del comportamento e del movimento del loro animale sono in grado di capire quale sono le intenzioni dell’amico a quattro zampe. L’animale non usa la parola per questo si deve prestare attenzione a tanti altri gesti che impara a riconoscere ed interpretare pian piano. 

Avere un animaletto in casa aumenta anche la capacità di empatia dei bambini riuscendo così a comprendere meglio le emozioni e gli stati d’animo altrui. Questo proprio grazie alla capacità che gli animali hanno di comprendere e trasmettere lo stato emotivo senza bisogno di parole.

È stato anche largamente dimostrato che accarezzare il pelo dell’animale domestico comporta diversi benefici, ad esempio rallenta il battito cardiaco, abbassa la pressione sanguigna e rallenta le onde cerebrali indicando un generale rilassamento. Si ottengono quindi rilevanti e benefiche modificazioni neuro-ormonali che rilasciano una sensazione di tranquillità e benessere, effetto positivo soprattutto in bambini vivaci ed iperattivi.

Numerosi studi dimostrano che i bambini che vivono a stretto contatto con gli animali domestici sviluppano prima le difese immunitarie da possibili allergie, essi hanno un sistema immunitario più forte e completo crescendo quindi più sani e protetti. L’attività dell’animale stimola anche a fare più movimento fisico e aiuta a scaricare maggiormente lo stress e le frustrazioni. 

La vita dell’animale può inoltre servire da spunto per affrontare insieme argomenti difficili come la sessualità e la riproduzione, la malattia e, purtroppo, anche la morte. La separazione dovuta alla morte dell’animale, pur rimanendo un evento doloroso nell'esperienza del bambino, rappresenta un importante banco di prova per gli inevitabili distacchi e separazioni che la vita gli presenterà. 

Parlando di bambini e animali, inoltre, non si può non accennare gli innumerevoli effetti positivi dimostrati dalla Pet-Therapy nella psicopatologia infantile soprattutto nell’autismo, nella depressione e nei disturbi di adattamento.
Concludendo, si può affermare, quindi, che far crescere un bambino con un animale porta a grandi benefici ed è un progetto educativo che aiuta oggi il bambino ad essere un adulto migliore domani.

A cura della Dott.ssa Monica Conti, psicologa 
Mail: monica.conti590@gmail.com
Tel: 348 8241179

LEGGI ANCHE:

PARLIAMO DI DISLESSIA: VALUTAZIONE, DIAGNOSI E SOLUZIONI 
ERRORI DI ORTOGRAFIA: SONO TUTTI UGUALI? NE PARLIAMO CON LA PSICOLOGA 

Condividi su:

Altre notizie: