Comacchio e Lidi

Value, via alla valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale di Italia e Croazia

Value, via alla valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale di Italia e Croazia

Il Comune di Comacchio è capofila del progetto “VALUE – Environmental and cultural Heritage development” finanziato dal programma Italia-Croazia, a cui partecipano anche la Regione Veneto, Regione Emilia-Romagna, Parco Regionale Veneto, DELTA 2000 agenzia di sviluppo del Delta emiliano-romagnolo per l’Italia e le città di Kastela, Korcula e Cres per la parte croata.

Il progetto intende sviluppare ed avviare un nuovo modello di sviluppo incentrato sull’integrazione tra la filiera culturale, quella scientifica e produttiva nella forma distrettuale collegata tra aree transfrontaliere, rafforzandone la visibilità competitiva a livello internazionale, attraverso azioni di valorizzazione del patrimonio esistente, promuovendo soluzioni innovative e sviluppando prodotti turistici a forte caratterizzazione culturale. Tutto questo partendo dalla valorizzazione di siti culturali e archeologici.

Nel dettaglio, sono nove i siti culturali archeologici in cui verranno realizzate azioni pilota, di cui 4 nel territorio del MAB UNESCO Delta Po. Verrà creato a Comacchio (FE) un parco archeologico “Open Air” dotato di più installazioni in scala reale che permettano ai futuri fruitori di godere di un’esperienza immersiva dell’antica città di Spina; verrà realizzata la ricomposizione e la digitalizzazione di parte dell’archivio storico di Pomposa di Codigoro (FE), verrà realizzata la ricostruzione sperimentale di un insediamento ad Adria (Rovigo) e di scavi archeologici nel complesso romano e paleocristiano dell’area archeologica di San Basilio di Ariano Polesine (Rovigo). Nei siti croati si realizzeranno altre tre azioni pilota, quali la creazione di una rete di percorsi storici e sentieri nell’area archeologica di Cherso, valorizzazione del sito archeologico Ostrog con la collina Balvan a Kastela e infine la ricostruzione di un complesso insediativo a Korcula

Il progetto, ufficialmente iniziato nella primavera del 2019 per concludersi nel 2021, è articolato in molteplici azioni: oltre alla realizzazione di 9 azioni pilota, sono previsti: la definizione di 7 laboratori archeologici connessi con i progetti pilota; 3 percorsi culturali transfrontalieri, l’istituzione di un centro di eccellenza scientifico transfrontaliero con la nomina di diverse figura di eccellenza provenienti dal mondo universitario. Tutti interventi che verranno promossi attraverso strumenti innovativi quali una piattaforma collaborativa e community relazionale, strumenti di promozione innovativi ma anche visite guidate, eventi locali e internazionali e festival. 

Sulla base della mappatura del patrimonio culturale, naturale, archeologico e dei servizi presenti verrà definito nuovo modello di sviluppo culturale e turistico ed istituiti 4 Distretti culturali con l’obbiettivo di valorizzare le risorse, promuovere in maniera innovativa il vasto patrimonio archeologico, culturale e turistico, diversificare l’offerta turistica dei territorio transfrontalieri e favorire la destagionalizzazione di flussi turistici. Inoltre VALUE intende attirare e far conoscere a nuovi target il patrimonio archeologico e storico esistenti nei territori, molto spesso noto solo agli addetti ai lavori ed esperti. 

Obiettivi ambiziosi che i partner andranno a realizzare anche grazie alla dotazione finanziaria a disposizione del progetto pari complessivamente a 3.251.055,00 Euro.

Condividi su:

Altre notizie: