Comacchio e Lidi

GreenChallenge e il seflie ecologista, pulire il mondo è di moda

GreenChallenge e il seflie ecologista, pulire il mondo è di moda

Ne parliamo con l'associazione G6 Vela Ferrara


Quanto gli hashtag influenzano le nostre abitudini? Quanto uno di quelli coniati dal web possono lanciare iniziative a livello globale?

In un periodo storico che richiede la massima attenzione per le problematiche relative al cambiamento climatico e alla salvaguardia del pianeta Terra, si sta imponendo nel mondo virtuale l'hashtag #greenchallenge, che sprona i ragazzi di tutto il mondo a postare una foto di una zona abbandonata al degrado e all'immondizia e ‘ripostarla’ dopo averla ripulita e sistemata.

Una campagna web virale che in poco tempo ha visto impazzare sul web le foto di chi ne approfitta per ripulire un giardino, una strada, un parcheggio, postando con orgoglio l'opera di pulizia ultimata. Numerose le iniziative di questo tipo anche nel nostro territorio: ultima in ordine di tempo ‘Dal Mare per il mare’ che ha visto coinvolti diverse associazioni sportive del Ferrarese nella pulizia del litorale, dal Lido di Spina al porto di Goro.

Com'è andata ce lo racconta Federico Moro del Circolo Nautico di Spina, uno dei promotori dell'iniziativa dell'associazione G6 Vela di Ferrara e della Polizia Provinciale. "E' andato tutto benissimo ed è stato entusiasmante vedere così tante persone all’opera lungo tutto il litorale. I partecipanti sono stati quasi 400, di cui parecchi bambini e ragazzi intenti ad aiutare i genitori nella raccolta".

Nel giro di poche ore sono stati raccolti quintali di sporcizia e materiale inquinante, destinati allo smaltimento a norma di legge a cura di Clara, che ha dato il proprio contributo fornendo tutto il materiale necessario per la raccolta.
"Un'iniziativa sicuramente da ripetere, la sensibilizzazione dei cittadini verso questo tipo di iniziative non dovrebbe mai venir meno e, considerata la consistente adesione, stiamo già pensando di organizzarne un'altra durante la stagione estiva" conclude Moro. 

Basta davvero poco per diventare un cittadino attivo, tu cosa stai aspettando?


Condividi su:

Altre notizie: