Delta

A scuola con Cadf, gli alunni a lezione di educazione ambientale

A scuola con Cadf, gli alunni a lezione di educazione ambientale
Il Cadf, l’azienda pubblica che si occupa della gestione del servizio idrico nel Delta e che da decenni è una importante realtà per il territorio ha costantemente coltivato e incrementato il suo rapporto con i giovani studenti dei Comuni del Delta ma non solo. 

Nel 2018 sono stati quasi 3400 gli alunni che hanno partecipato ai progetti del CEA La Fabbrica dell’Acqua, il centro di educazione ambientale di Cadf. Per la maggior parte, i giovani e curiosi ospiti frequentano le scuole dei Comuni serviti (36 scuole per 134 classi), ma un migliaio di questi provengono invece da fuori provincia, dai Comuni non serviti da Cadf in provincia).

Nel selezionare le scolaresche da coinvolgere, Cadf ha come al solito selezionato e premiato le scuole che hanno mostrato maggiore sensibilità alle tematiche legate alla risorsa acqua, anche attraverso i progetti del Cea, incontri a scuola, escursioni sul campo e attività presso la centrale di potabilizzazione di Serravalle. 

Già a novembre scorso sono partiti gli appuntamenti in aula, con gli esperti del Cadf alle prese con interessanti lezioni frontali nell’aula che i ragazzi sono abituati a frequentare quotidianamente nella loro esperienza scolastica. Il calendario di appuntamenti è fittissimo e proseguirà fino a metà giugno, con 278 progetti (articolati su uno, due o tre incontri) che impegnano quattro educatori ambientali del CEA.

E se Cadf sensibilizza i suoi cittadini fin dai banchi di scuola, continua ad essere al loro fianco anche quando ormai adolescenti potranno accedere ai percorsi di Alternanza Scuola Lavoro. In base ad un progetto triennale tuttora in corso, l’azienda accoglie nelle sue strutture, tra i suoi professionisti, nove studenti dell’Istituto d’istruzione superiore Guido monaco da Pomposa di Codigoro. Tra loro i ragazzi della classe quarta del Liceo Scientifico e dell’AFM, impegnati nel progetto CADF e la cooperazione internazionale. Il loro obiettivo sarà quello di verificare l’andamento del progetto cofinanziato da CADF per la realizzazione di un pozzo e di un sistema di irrigazione in Burkina Faso, oltre all’ideazione di un progetto di educazione alla sostenibilità da promuovere nelle scuole, con incontri con i referenti di CADF e dell’ONG Bambini nel Deserto.

Altri alunni della classe quarta del Liceo Scientifico e dell’IT si occuperanno invece del progetto CADF e la valorizzazione del territorio - il caso della Salina di Comacchio, anche tenendo lezioni ai piccoli colleghi della Scuola Primaria e accompagnandoli alla scoperta della Salina di Comacchio. A marzo infine, un gruppo di studenti degli indirizzi AFM, IT e CAT continueranno a sviluppare il progetto APP e nuovo sito di CADF, con anche la collaborazione dei professionisti di Deltaweb: l’obiettivo è la creazione di una sezione dedicata del nuovo sito aziendale di Cadf, strutturato in base alle esigente degli utenti, raccolte grazie ad un’apposita indagine statistica.

Condividi su:

Altre notizie: