Pomposa - L'abbazia e il museo

La presenza già certa al VI-VII secolo di un cenobio benedettino nell’Insula Pomposia è testimoniata, per la prima volta, in un documento dell’anno 874 in cui Papa Giovanni VII reclamava al papato la giurisdizione sul monastero contro la diocesi di Ravenna. 
20 Ott 2015 0 comment
(0 Voti)
 

 

abbazia_museo_pomposaLuogo ameno e fertile – fino a quando l’inondazione seguita alla rotta degli argini del Po a Ficarolo (1152) non determina sostanziali mutamenti climatici e ambientali nella zona del delta padano – l’isola pomposiana favorisce lo sviluppo di un’abbazia ricca e potente, che raggiunge l’apice della sua fama e l’indipendenza nel XI secolo.

 

È il ravennate abate Guido degli Strambiati (morto nel 1046) l’iniziatore della radicale riforma delle fabbriche pomposiane che, nel corso del XI secolo, vengono ampliate e abbellite: nel 1026 viene riconsacrata la chiesa, nel 1063 costruita la torre campanaria e, nell’arco dello stesso secolo, vedono la luce i chiostri e il palazzo della Ragione, nel quale l’abate di Pomposa esercitava la giustizia civile.

 

Centro primario di vita religiosa e spirituale, la Pomposa dell’epoca di Guido fu frequentata da numerose personalità illustri, tra cui spiccano San Pier Damiani e Guido d’Arezzo il quale sembra abbia elaborato proprio qui il suo metodo di scrittura delle note musicali.

 

Nel XI secolo la comunità monastica di Pomposa contava più di cento monaci; fama e prosperità proseguono per i due secoli successivi, ma già nel XIV secolo Pomposa è in forte declino, nonostante si abbia ancora la possibilità di compiere, a più riprese nell’arco del secolo, i grandi cicli pittorici del capitolo, del refettorio e della chiesa. 

 

Il 1423 segna la data di trasformazione in commenda, nel 1496 Pomposa è indicata tra i beni del monastero di San Benedetto a Ferrara: nel 1552 il Papa Innocenzo X

abbazia_museo_pomposa

 sopprime ufficialmente il monastero pomposiano;gli ultimi monaci escono però solo nel 1671.

 

A causa dell’abbandono, crolla gran parte degli edifici; quelli che rimangono in pessimo stato, vengono venduti all’incanto nel 1802 e acquistati dai marchesi Guiccioli di Ravenna che per tutto il secolo li usano come magazzini, stalle, fienili all’interno dell’azienda agricola di loro proprietà di cui Pomposa faceva parte.

 

Tra il 1910 e il 1914 lo Stato italiano espropria gran parte delle fabbriche di Pomposa, compiendo tra il 1925 e il 1930 un completo ciclo di restauri che ne recuperano gli edifici ancora esistenti.

 

Il complesso pomposiano è costituito oggi dalla chiesa abbaziale di Santa Maria con campanile, la sala capitolare, il refettorio, la cosiddetta “sala delle Stilate” e il dormitorio (oggi Museo Pomposiano) che descrivono l’ambito del chiostro, mancante del lato ovest; comprende inoltre il palazzo della Ragione e il recinto del cimitero dei frati situato a nord della chiesa.

 

Palazzo della Ragione, loggiato, particolare

 

Si tratta solo di una parte del vasto convento benedettino che era dotato di numerosi altri edifici tra i quali la massiccia torre dell’abate, un secondo chiostro dedicato a San Guido, la chiesetta di San Michele e la biblioteca famosa in età umanistica per la vastissima raccolta di manoscritti a carattere religioso e classici.

 

Anche se profondamente mutilato il complesso di Pomposa conserva una altissima qualità e può essere a ragione considerato come uno dei capisaldi della storia artistica del Medioevo padano.

 

abbazia_museo_pomposa

 

 

 


Chiesa di Santa Maria

 

Al maestro Mazulo, ricordato dalla piccola lapide a destra delle arcate, si deve l’attuale configurazione della chiesa, ampliata rispetto all’iniziale impianto e dotata dell’atrio dalla volumetria essenziale, ma ricamato da bacini di ceramica, da sculture a fasce di cotto in cui animali e figure simboliche si intrecciano con tralci vegetali: decorazioni raffinate ed enigmatiche, un tempo dipinte, che importano in area padana modi tipicamente orientali.

 

Finestra circolare, atrio della chiesa, particolare

 

Al XII secolo appartiene il completamento del celebre pavimento in mosaico e tarsia marmorea suddiviso in quattro diversi settori figurativi, mentre della fase precedente (VIII secolo circa) è l’impianto architettonico generale di ispirazione ravennate con abside poligonale all’esterno; denota infine il periodo di costruzione anche l’ampio uso nella chiesa di elementi decorativi e strutturali di spoglio di provenienza ravennate, soprattutto capitelli, pulvini, colonne e basi.

 

La stessa caratteristica, accompagnata da una minuta decorazione in cotto e bacini di ceramica, compare nel campanileprototipo dell’architettura romanico-padana, edificato ad opera del maestro Deusdedit (1063).

 

abbazia_museo_pomposa
Bacini di ceramica, campanile, particolari

 

L’atrio e il campanile che domina con la sua altezza e la terminazione conica la piatta campagna circostante, sono il simbolo del momento di massima fortuna del convento pomposiano: gli affreschi all’interno della chiesa, del refettorio, del capitolo sono invece viva testimonianza di un momento di ripresa spirituale nel già iniziato declino. 

 

abbazia_museo_pomposa

Sotto il profilo cronologico apre il ciclo trecentesco di Pomposa la sala Capitolare, dominata dalla Crocefissione a cui si affiancano i principi della chiesa Pietro e Paolo, poi i santi benedettini Benedetto e Guido, quindi i profeti dipinti in monocromo sulle pareti laterali.

 

Creduti per lungo tempo opera di Giotto, questi affreschi appartengono certamente all’ambiente culturale giottesco maturato a Padova durante la presenza del maestro, collocandosi durante l’abbazia di Enrico (1302 – 1320).

 


Mosè e David, Sala Capitolare

 

Nel refettorio il grande affresco della parete est è forse il più noto di Pomposa; suddiviso in tre scene, mostra al centro laDeesis dove il Cristo benedicente è raffigura tra la Vergine e san Giovanni Battista, san Benedetto e san Guido; l’Ultima Cena e il Miracolo di San Guido che trasforma l’acqua in vino davanti al vescovo di Ravenna Gebeardo: compiuto tra il 1316 ed il 1320, è unanimemente attribuito a Pietro da Rimini.

 

Nel refettorio i recenti restauri hanno messo in luce e recuperato anche la preziosa decorazione parietale eseguita dai maestri della bottega di Pietro oltre a brani dell’assetto decorativo del secolo precedente, a fondo verde scuro con fasce geometriche, che appartiene con ogni probabilità al XIII secolo.

 

abbazia_museo_pomposa
Ultima cena, refettorio

 

Il grande ciclo della chiesa inizia invece nel 1351 con il catino absidale di Vitale da Bologna e aiuti ai quali vanno ascritte anche le Storie di sant'Eustachio sulle pareti dell’abside; nella navata e nella controfacciata artisti della scuola vitalesca, tra i quali spicca Andrea de’Bruni, dipingono le storie dell’Antico e del Nuovo Testamento, dell’Apocalisse, ed il Giudizio Universale; il vasto lavoro di ammodernamento della chiesa si conclude all’interno dell’abbaziato del committente Andrea (1361) e comprende anche la decorazione a finti marmi con figure di santi nelle navate laterali.

 

abbazia_museo_pomposa
Annunciazione e Visitazione, affreschi della chiesa

 

Di particolare interesse per la sua rarità in ambito ferrarese anche la cosiddetta “Sala delle Stilate”, grande vano a piano terra con solaio sorretto da pilastri lignei appartenente alla fase trecentesca di ristrutturazione degli interni come il soprastante dormitorio che oggi ospita il Museo Pomposiano.

 

 

 

 

abbazia_museo_pomposa
Pluteo con basilisco e draghi, Museo pomposiano

 

Il museo fu allestito in maniera definitiva nel 1976, ed espone opere d’arte di diversa natura ed epoca, ma prevalentemente medievali, attinenti alla grande fabbrica conventuale. Particolarmente interessanti – oltre a brani di affreschi staccati provenienti dai diversi cicli pittorici della chiesa (X e XIV secolo) – capitelli e sculture architettoniche di reimpiego che vanno dal VI al X secolo.

 

 

Abbazia di Pomposa e Museo pomposiano
Via Pomposa Centro, 12 → Tel 0533 719152 (biglietteria e bookshop)
44021 Codigoro - Ferrara


Orario → 8,30-19,30
Chiuso → 1° gennaio → 1° maggio → 25 dicembre
Ingresso → Intero 5€ (festivi 3 € → Chiesa gratuito) → Ridotto 2,50€ (festivi 1,50€ → Chiesa gratuito)→ fino a 18 (cittadini UE, Svizzera, USA) Gratuito
Chiedere per altre agevolazioni e biglietti cumulativi.

Visita guidata - Durata circa 1,5 ore
Tariffe 2015
Gruppi fino a 30 persone: 130€
Scuole dell'obbligo fino a 30 studenti: 120€
Ogni persona aggiuntiva: 1,50€

Contattami per saperne di più → Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. → Tel. 0532 91219

Informazioni aggiuntive

  • Denominazione: Abbazia di Pomposa e Museo Pomposiano
  • Luogo: Delta del Po
  • Dove si trova: Via Pomposa Centro, 12
  • Referente: Elisabetta Gulino
  • Fruizione del sito: Libera
Ultima modifica il Giovedì, 09 Novembre 2017 21:20
Start from: Get directions Show Street View
Altro in questa categoria: « Monastero di Sant' Agostino
cache/resized/cb9a0448ed06d8540f3c4c64058df644.jpg
Sotto la guida sapiente di Gioacchino Rossini compì gli studi musicali nel Liceo di Bologna e l'Accademia Filarmonica ...
cache/resized/1f4864276a493de7af4767c31f67ce2e.jpg
Ludovico Antonio Muratori (Vignola, 21 ottobre 1672 – Modena, 23 gennaio 1750) è stato uno storico, scrittore, ...
cache/resized/4e64ddc45ddfab90099d3cd23fd6262c.jpg
Raimondo nasce da una famiglia "possidente", il pa­dre Ilario è consigliere e assessore in varie legislature del comune ...
cache/resized/32b804d9c843131ccf3a81a84aaecd0d.jpg
Luciano Boccaccini vive e lavora a Comacchio.Giornalista Pubblicista. Laureato in Storia (indirizzo medievale) ...
cache/resized/27947926b1e37008bad2d10deec04195.jpg
Poeta attento e dolcissimo è senza dubbio uno dei migliori talenti artistici che Comacchio ci ha lasciato. A soli 29 ...
cache/resized/e7c75bf6563acab94971b53cb378c3e8.jpg
Il padre Filippo Carli (1876-1938) era professore universitario di sociologia e di economia politica, nonché ...
cache/resized/76e3d5aa5ebc262f406b2cbcc0c33c46.jpg
C'è un grande campione dello sport che è nato dalla nostre parti e noi non ne abbiamo mai parlato. Rimediamo sùbito, ...
cache/resized/455db7bfbd20f31c694f3cb386fb821e.jpg
Una vera e propria icona dello sport comacchieseEcco come la descrive con particolari e score wikipediaLaura Fogli ...
Servizi
cache/resized/a3f7c368ac01d944a8685ccbdf4aa693.jpg
Un luogo insolito, dove la bellezza “delle cose” e il buon gusto di arredare potrebbe fare per voi la differenza. Rosy, la titolare dell’azienda “La Soffitta incantata, vi attende a Pontelangorino per mostrarvi tanti piccoli oggetti d’arte che potrebbero impreziosire la vostra casa. In questo ...
cache/resized/cfef4bc8c064c7aeae443a6435d985d9.jpg
Cerchi un servizio di asilo giornaliero, casa vacanze o di educazione di base per il tuo cane vicino alla riviera?  A.S.D. Star Edition Camp ha pensato a te! Chiama il 3205304344, Niko e Nadine saranno lieti di accogliere i vs. pelosi nel pieno rispetto del benessere animale; PROVARE PER ...
cache/resized/332b1ac4282d10747a4f2abffea7dd34.jpg
Negozio storico del centro Comacchiese. Da due generazioni una vasta offerta di borse, valigie, guanti, ombrelli ed altri accessori per la persona a prezzi vantaggiosissimi. I locali recentemente ristrutturati esaltano colori e forme in un ambiente raffinato e alla moda. Visitate questo spazio ...
cache/resized/ef7c3857534f52c167c9363dcb73b554.jpg
MOBILI CARLI – LA TRADIZIONE AL SERVIZIO DELL’INNOVAZIONE L’attività è stata fondata a Porto Garibaldi (FE) nel 1958 da Carli Enrico, il quale, da buon falegname, ha deciso di aprire il primo negozio di mobili della zona.Il testimone è poi passato alla figlia Lorena, la quale, tutt’ora, porta ...
cache/resized/6aa85d4efcaf8e62cd02a68bdd633405.jpg
Un paio di jeans alla moda? Un una felpa griffata, cerchi un nuovo stile un nuovo look ? Visita i nostri punti vendita per trovare la moda che cerchi. Personale attento e preparato ti consiglierà il capo di abbigliamento che meglio si addice al tuo stile. The Beach Estensi lo trovi:   ...
cache/resized/60e6ee8eb6fa5ba0d2195bee4dd44ad6.jpg
Cerchi Idee originali per farti ricordare? Les Cadeaux a Comacchio è il negozio di articoli da regalo, bijoux e bomboniere che fa per te. Solo da Les Cadeaux trovi una vasta scelta di articoli tutti da scegliere e personalizzare per rendere unico ogni tuo evento e per regali sempre ...
cache/resized/4e2f0e2589ac31cfe281167f2e42b673.jpg
Lavori e hai poco tempo per il tuo amico a quattro zampe? Lo lasci solo in casa o vuoi uscire con gli amici? Non lasciarlo solo, chiama il 3483840629, potrai parlare con Simona, il mio amore per gli animali sarà al tuo servizio.Cosa aspetti? Non lasciare solo il tuo amico!
cache/resized/976dfeb843c2fa365487ab6168194772.jpg
Il Globo è un'azienda a Comacchio specializzata nella vendita di articoli per la casa, reti, materassi e forniture per strutture alberghiere. Il negozio propone alla clientela una vasta gamma di materassi disponibili in diversi materiali e modelli per adattarsi alle esigenze specifiche della ...
consigliati
cache/resized/6ebe012cf0722b8732ab5b214a2a3201.jpg
Le prime giornate di sole saranno prese d’assalto dai turisti amanti della tintarella, per questo motivo il mercatino va a completare nel migliore dei modi il momento di relax da trascorrere al mare, dove gran parte dei turisti nel periodo estivi si recano per tonificare il fisico, respirare ...
cache/resized/5a7217e6589a72dc5a5e28b21f980f2c.jpg
Ripartono gli appuntamenti destinati agli appassionati dell’antiquariato, delle curiosità, del collezionismo e in generale del vivere a fianco di tanti appassionati all’aria aperta Sono tante le persone che frequentano questi spazi per passeggiare in mezzo a tante cose, alcune delle quali ...
cache/resized/e0821157e7c5df5ca2252223190a2366.jpg
La più antica Osteria di Comacchio con prodotti tipici della cucina locale, frutto dell'amore e della passione per la ...
cache/resized/d7c8c4aed5aaaaee4b9614e6bcd34d3f.jpg
Il Bagno Virna del Lido di Spina (n. 56) in Via Spiaggia, dispone di 130 ombrelloni a disposizione della propria ...
cache/resized/9e2309eb4ea1535b33cfdd1ee02f1acd.jpg
Nei pressi del Lago delle Nazioni una meta obbligata per chi vuol mangiare pesce di qualità  cotto dalle mani ...
cache/resized/a207f7a1f717b813dee0cba617be0bd3.jpg
Chiuso dal 7 al 15 Gennaio, nel mese di Novembre e tutti i Lunedì - Ad Agosto aperto tutti i giorni La Barcaccia è una ...
cache/resized/3ee968ef5fc1f43b7fe9967d5ea9295a.jpg
Il ristorante La Zanzara, nei pressi di Codigoro, rappresenta un’ eccellente esperienza sotto tutti i punti di vista: ...
cache/resized/d3e66759853f7f5c9d7f610bcf6c7c84.jpg
Situato nel lungomare di Porto Garibaldi in Viale dei Mille, 28 il Ristorante “Sole”è da sempre un punto di riferimento ...
cache/resized/34f63a483d171fd40f097862c251f608.jpg
Chiuso dal 7 al 15 Gennaio, nel mese di Novembre e tutti i Lunedì - Ad Agosto aperto tutti i giorni La Barcaccia è una ...
cache/resized/f0f02fb10b9c9f2b67417e1c48e906e1.jpg
Una carta con scelta ampia, le specialità di pesce e di carne e, perchè no, una buona pizza, anche con pasta ...

spotcomacchio

Comacchio incontri
Comacchio.it  by
Comacchio Incontri
P.I.01654650389
Darsena

spotweb

Delta Input
  • Prev
L’unità di intenti siglata con la direzione di “Ravenna Festival”, rassegna culturale di altissimo spessore, giunta
Queste le regole di sottoscrizione che vi consentiranno di entrare a far parte del circuito web della Costa Emiliana,
Da anni con la sua famiglia si occupa di pesca e da qualche tempo di escursioni fluviali - naturalistiche alla
Motoscafo Alessio, con portata max di 19 passeggieri, è la nostra barca usata per le visite classiche del Delta del Po.
Dopo il grande successo dello scorso anno, torna la seconda edizione di COMACCHIO SUMMER FEST – dal tramonto ...
INAUGURAZIONE DELLA PRIMA MOSTRA PITTORICA DELLA STAGIONE ESTIVA 2015 NELLA ANTICA PESCHERIA SEICENTESCA.  
Lido di Pomposa (località Sagano) a partire dalle ore 21.30 Condurranno la serata i DJ di Radio 105. Chiara
Dal 10 al 28 Giugno a Ferrara presso il Centro Sportivo Frutteti in via del Salice nr. 15, 1° Torneo I-Play Città di
Comune di Comacchio
Emilia Romagna Ferrara Terra e Acqua Delta2000 Comacchio Turismo Associazione l'Alba Consorzio Lido degli Estensi Consorzio Lido delle Nazioni Associazione Spina Consorzio dei Lidi Pomposa e Scacchi Consorzio di Comacchio Cooperativa Stabilimenti Balneari Volano

Affari immobiliari

Stabilimenti balneari

  • Bagno Trocadero
    E’ il numero 39 che contraddistingua questo stabilimento balneare situato al Lido di Spina in Via Vene di Bellocchio, 21. Questo stabilimento balneare viene citato…
    Leggi tutto...
  • Bagno Calypso
    Il Bagno Calypso è dotato di strutture particolarmente curate che contribuiranno a lasciare un ricordo indimenticabile delle vostre vacanze al Lido degli Estensi. 
    Leggi tutto...
  • Bagno Sole
    Situato nel lungomare di Porto Garibaldi in Viale dei Mille, 28 il Ristorante “Sole”è da sempre un punto di riferimento per chi vuole assaporare specialità…
    Leggi tutto...
  • Bagno Onda Blu
    Bagno Onda Blu è una struttura balneare attrezzata e accogliente. La sua posizione strategica, la meravigliosa cornice paesaggistica e i servizi offerti lo rendono uno…
    Leggi tutto...
  • Bagno Ristorante Bologna
    A Porto Garibaldi non si può evitare un assaggio di quei piatti che sono diventati ormai famosi nel mondo come l'anguilla ai ferri, o il…
    Leggi tutto...

Shop

Template Settings

Color

For each color, the params below will give default values
Blue Brown Green Pink Violet
Layout Style
Select menu